DISCIPLINATHA

DISCIPLINATHA
Be disciplined!

mercoledì 19 giugno 2024

Georges Simenon - I sotterrani del Majestic- 1 CAP - Voce Naturale

 

La gomma di Prosper Donge Il rumore secco di una portiera. Un’altra giornata aveva inizio. Il motore in folle. Forse Charlotte stringeva la mano al tassista. Poi l’auto si allontanò. Dei passi, la chiave che entrava nella serratura, lo scatto di un interruttore. Lo schiocco di un fiammifero in cucina e il leggero sibilo del fornello a gas che si accendeva. Con la lentezza di chi ha passato la notte in piedi, Charlotte salì le scale troppo nuove, entrò piano piano in camera e girò un altro interruttore. Si accese una lampada schermata da un fazzoletto rosa con una ghianda di legno a ciascun angolo. Prosper Donge teneva gli occhi chiusi. Charlotte si svestì guardandosi nella specchiera dell’armadio. Quando si liberò della giarrettiera e del reggiseno ebbe un sospiro di sollievo. Era grassa e rosea come un Rubens, ma aveva la mania di strizzarsi più che poteva, e, una volta nuda, doveva strofinarsi la pelle per far sparire i segni. Aveva un suo modo irritante di infilarsi nel letto salendovi sopra prima in ginocchio, così che la rete s’inclinava tutta da un lato. «Tocca a te, Prosper!». Non appena lui si alzava, Charlotte si rannicchiava al suo posto ancora caldo, si tirava le coperte fin sopra gli occhi e non si muoveva più.

lunedì 17 giugno 2024

Georges Simenon - Liberty Bar - Libro Completo - Maigret

La prima sensazione fu di essere in vacanza.

Quando Maigret scese dal treno, la stazione di Antibes era inondata per metà da un sole così luminoso che la folla in movimento sembrava fatta di ombre.

Ombre munite di cappello di paglia, pantaloni bianchi e racchetta da tennis. C'era nell'aria come un ronzio confuso. Il marciapiede era fiancheggiato da palme e cactus, e al di là della lampisteria si scorgeva un lembo di mare azzurro.

Subito un uomo gli si fece incontro:

«Il commissario Maigret, immagino... L'ho riconosciuta perché ho visto la sua foto sul giornale...

Ispettore Boutigues...».

Boutigues! Un nome che sembrava uno scherzo!

L'ispettore si era già impadronito delle valigie di Maigret e lo guidava verso il sottopassaggio. Indossava un abito grigio perla con un garofano rosso all'occhiello e scarpe con le ghette.

«È la prima volta che viene ad Antibes?».

Asciugandosi il sudore, Maigret si sforzava di tener dietro al suo cicerone, che sgusciava fra la gente passando davanti a tutti. Finalmente si trovò di fronte a una carrozza con il mantice di tela color crema e una frangia adorna di pallini che oscillavano tutt'intorno.

Un'altra sensazione dimenticata: il cigolio delle molle compresse, il colpo di frusta del vetturino, il rumore sordo degli zoccoli sull'asfalto molle...

«Prima di tutto, andiamo a bere qualcosa... Non dica di no... Senta, ci porti al Café Glacier...».

Era lì a due passi. Intanto l'ispettore cominciò a spiegare:

«Place Macé... Il centro di Antibes...».

La piazza era proprio graziosa, con un giardinetto al centro e delle tende da sole color crema o arancione a tutte le finestre. Boutigues costrinse il commissario a sedersi a un tavolino all'aperto e a bere un pernod.


sabato 15 giugno 2024

Seven Sins And A Desire - Artwork by Cosimo Palermo - Lego Minions/Construction


Sembra facile, quasi bambinesco, ma in realtà è molto difficile crearli. Per esempio, stamane dopo aver caricato l'episodio del libro Liberty Bar (mi sono svegliato ale 6.30) mi è rimasta qualche ora libera e mi sono detto perchè non provare a fare un nuovo collage, quindi mi sono spostato nell'altra stanza dove ho un'altro PC con due schermi, ci vogliono 2 schermi per farli, due schermi e 10 programmi aperti. Poi ...piano...piano... personaggio... dopo... personaggio è venuta fuori la "figura"